La Parrocchia
 Info
  • Orari S.Messe 
  • Dove Siamo 
  • Norme Matrimonio 
  • Battesimi 2019 
 Vita della Parrocchia
  • Avvisi e Appuntamenti 
  • La parola del Parroco 
  • Riflessione Vangelo 
  • Preghiera 
  • Catechismo 
 Consiglio Pastorale
  • Composizione 
  • Incontri del C.P. 
Gruppi & Associazioni
 CARITAS
 Azione Cattolica
  • Azione Cattolica 
  • ACR 
  • AC Giovanissimi 
  • AC Giovani 
 Agesci
  • Terracina 2 
 Confraternita
Storia & Arte
 Storia & Arte
  • Cenni storici 
  • Madonna di Lourdes 
  • Sacra Famiglia 
  • Via Crucis 
Una foto a caso

La Liturgia di Oggi
La BIBBIA OnLine

La Bibbia On Line

 Riflessione Vangelo 
 

 

 

XIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

“Vegliate e tenetevi pronti…”

 

Liturgia della Parola

 Sap 18,6-9; Sal 32; Eb 11,1-2.8-19; Lc 12, 32-48

 

La Parola del Signore

...è ascoltata

 

Forma breve


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito.

Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli.

E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell’alba, li troverà così, beati loro!

Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa.

Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».

…è meditata

Tre volte è ripetuto un invito: siate pronti, tenetevi pronti. A che cosa? Allo splendore dell'incontro. E non con un Dio minaccioso, ladro di vita, che è la proiezione delle nostre paure e dei nostri moralismi violenti; ma con l'impensabile di Dio: un Dio che si fa servo dei suoi servi, che «li farà mettere a tavola e passerà a servirli».

Che si china davanti all'uomo, con stima, rispetto, gratitudine.

Il capovolgimento dell'idea di un Dio padrone.

Il punto commovente, sublime di questa parabola, il momento straordinario è proprio quando accade l'inconcepibile: il Signore si mette a fare il servo, si pone a servizio della mia vita!

Ed ecco Gesù ribadire, perché si imprima bene, questo atteggiamento stravolgente del Signore:

«E se giungendo nel cuore della notte o prima dell'alba, li troverà così, beati loro». E passerà a servirli. Perché è rimasto incantato.

Che i servi restino in attesa, svegli fino all'alba, non è richiesto; è "un di più" non dettato né da dovere né da paura, si attende così solo se si ama e si desidera, e non si vede l'ora che giunga il momento degli abbracci: «Dov'è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore». Un padrone-tesoro verso cui punta diritta la freccia del cuore, come fosse l'amato del Cantico: Dormo, ma il mio cuore veglia (5,2).

Per il servo infedele invece il tesoro è il gusto del potere sugli altri servi, approfittando del ritardo del padrone «cominciare a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere, a ubriacarsi».

Per quel servo, che ha posto il tesoro nelle cose, l'incontro alla fine della notte con il suo signore sarà la dolorosa scoperta di avere mortificato la propria vita nel momento in cui mortificava gli altri; la triste sorpresa di avere fra le mani solo il pianto, i cocci di una vita sbagliata.
La nostra vita è viva quando coltiva tesori di speranze e di persone; vive se custodisce un capitale di sogni e di persone amate, per le quali trepidare, tremare e gioire.
Ma ancora di più il nostro tesoro d'oro fino è un Dio che ha fiducia in noi, al punto di affidarci, come a servi capaci, la casa grande che è il mondo, con tutte le sue meraviglie.
Che fortuna avere un Signore così, che ci ripete:

Il mondo è per voi! Potete coltivarne e goderne la bellezza, potete custodire ogni alito di vita. Siete custodi anche del vostro cuore: coltivatelo al gusto del bello, alla sete della sapienza.

Mio tesoro è il volto di Dio, l'immagine straordinaria, clamorosa, che solo Gesù ha osato: Dio nostro servitore, che ha nome Amore, pastore di costellazioni e di cuori, che viene, chiude le porte della notte e apre quelle della luce, ci farà mettere a tavola, e passerà a servirci, le mani colme di doni.

 Padre Ermes Ronchi

 

 … è  pregata

Nella “notte” del presente

ti attendiamo, Signore.

Aiutaci a essere vigili e pronti.

 

Nell’ora della gioia

non dimentichiamo

che tu sei il nostro Salvatore.

 

Aiutaci a essere riconoscenti

al tuo dono  di amore.

 

Nel tempo del dolore

non ci allontaniamo da te.

 

Aiutaci a esserti sempre fedeli,

impegnati ogni giorno,

in attesa del tuo ritorno.

Amen!

 

 


 
Accoglienza

Una struttura per l'accoglienza dei gruppi

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere informazioni sulle novità di questo sito.

Iscriviti
Cancella

  Iscritti : 48

Prossimi eventi
• Domenica 1 Settembre
Calendario
Cerca nel sito



Santi e Beati

Box Contatti
• Web-Mail
New-CMS 2.9.7 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public LicenseRealizzazioni Web by XAD
This page was created in 0.1408 seconds
Contenuto del div.