La Parrocchia
 Info
  • Orari S.Messe 
  • Dove Siamo 
  • Norme Matrimonio 
  • Battesimi 2019 
 Vita della Parrocchia
  • Avvisi e Appuntamenti 
  • La parola del Parroco 
  • Riflessione Vangelo 
  • Preghiera 
  • Catechismo 
 Consiglio Pastorale
  • Composizione 
  • Incontri del C.P. 
Gruppi & Associazioni
 CARITAS
 Azione Cattolica
  • Azione Cattolica 
  • ACR 
  • AC Giovanissimi 
  • AC Giovani 
 Agesci
  • Terracina 2 
 Confraternita
Storia & Arte
 Storia & Arte
  • Cenni storici 
  • Madonna di Lourdes 
  • Sacra Famiglia 
  • Via Crucis 
Una foto a caso

La Liturgia di Oggi
La BIBBIA OnLine

La Bibbia On Line

 Riflessione Vangelo 
 

 

Domenica di Pasqua

 

 

Liturgia della Parola

At 10,34a.37-43; Sal 117; Col 3,1-4; Gv 20,1-9

 

La Parola del Signore

…è ascoltata

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».

Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.

Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.

Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

               

…è meditata

Maria di Magdala, in quell'ora tra il buio e la luce, tra la notte e il giorno, quando le cose non si vedono ma supplisce il cuore, va' sola, e non ha paura. Come la sposa del Cantico: lungo la notte cerco l'amato del mio cuore.

L'alba di Pasqua è piena di coloro che più forte hanno fatto l'esperienza dell'amore di Gesù: Maria di Magdala, il discepolo amato, Pietro, le donne.

Il primo segno è così umile: non un'apparizione gloriosa, ma un sepolcro vuoto nel fresco dell'alba. È poco e non è facile da capire. E Maria non capisce, corre da Pietro non per annunciare la risurrezione del Maestro ma per denunciare una manovra dei nemici, un ulteriore dolore: hanno portato via il Signore.

Non abbiamo più neanche un corpo su cui piangere.

Tutti corrono in quel primo mattino: Maria, Pietro, Giovanni... Non si corre così per una perdita o per un lutto. Ma perché spunta qualcosa di immenso, fa capolino, urge il parto di una cosa enorme, confusa e grandiosa.

Arrivano al sepolcro e li aiuta un altro piccolo segno: i teli posati, il sudario avvolto con cura. Se qualcuno avesse portato via il corpo, non l'avrebbe liberato dai teli o dal sudario. È stato altro a liberare la carne e la bellezza di Gesù dal velo oscuro della morte.

La nostra fede inizia da un corpo assente. Nella storia umana manca un corpo per chiudere in pareggio il conto delle vittime, manca un corpo alla contabilità della morte. I suoi conti sono in perdita. E questo apre una breccia, uno spazio di rivolta, un tuffo oltre la vita uccisa: la morte non vincerà per sempre.

Anche se adesso sembra vincente: il male del mondo mi fa dubitare della Pasqua, è troppo; il terrorismo, il cancro, la corruzione, il moltiplicarsi di muri, barriere e naufragi; bambini che non hanno cibo, acqua, casa, amore; la finanza padrona dell'uomo mi fanno dubitare.

Ma poi vedo immense energie di bene, donne e uomini che trasmettono vita e la custodiscono con divino amore; vedo giovani forti prendersi cura dei deboli; anziani creatori di giustizia e di bellezza; gente onesta fin nelle piccole cose; vedo occhi di luce e sorrisi più belli di quanto la vita non lo permetta.

Questi uomini e queste donne sono nati il mattino di Pasqua, hanno dentro il seme di Pasqua, il cromosoma del Risorto.

Perché Cristo non è semplicemente il Risorto.

Egli è la Risurrezione stessa, è l'azione, l'atto, la linfa continua del risorgere, che fa ripartire da capo la vita, la conduce di inizio in inizio, trascinandola in alto con sé: forza ascensionale del cosmo verso più luminosa vita. E non riposerà finché non sia spezzata la tomba dell'ultima anima, e le sue forze non arrivino a far fiorire «l'ultimo ramo della creazione» (M. Luzi).

Padre Ermes Ronchi

 

…è Pregata

O Cristo risorto,

con Te anche noi dobbiamo risorgere;

Tu ti sei sottratto alla vita degli uomini

e noi dobbiamo seguirti;

sei tornato al Padre Tuo

e noi dobbiamo fare in modo

che la nostra vita

“sia nascosta con Te in Dio…”.

 

È dovere e privilegio

di tutti i Tuoi discepoli,

o Signore,

essere esaltati

e trasfigurati con Te;

è nostro privilegio

vivere in cielo

con i nostri pensieri,

impulsi, aspirazioni,

desideri ed affetti,

anche se siamo ancora nella carne…

Insegnaci a “cercare le cose

che stanno lassù” (Col 3,1)

dimostrando che apparteniamo a Te,

che il nostro cuore è risorto con Te

e in Te è nascosta la nostra vita.          

                                                J. H. Newman


 
C'è di nuovo

Pubblicate nuove foto

nell'ALBUM

* Medjiugorje

* Veglia Missionaria

* ASSISI marzo 2019

* Veglia di Pasqua 2019

Accoglienza

Una struttura per l'accoglienza dei gruppi

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere informazioni sulle novità di questo sito.

Iscriviti
Cancella

  Iscritti : 48

Prossimi eventi
• Giovedì 25 Aprile
• Sabato 27 Aprile
• Sabato 11 Maggio
Calendario
Cerca nel sito



Santi e Beati

Box Contatti
• Web-Mail
New-CMS 2.9.7 Valid CSS Valid html 5 GNU General Public LicenseRealizzazioni Web by XAD
This page was created in 0.4451 seconds
Contenuto del div.